Tutto su Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità fatta in Italia dagli anni novanta. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

martedì 19 luglio 2016

Bad Girls!!!!

bad girls sportster by classic co 2007 article pag 1

bad girls sportster by classic co 2007 article pag 2

bad girls sportster by classic 2007 article pag 3

bad girls sportster by classic co 2007 article pag 4

bad girls sportster by classic co 2007 article pag 5

bad girls sportster by classic co 2007 article pag 6

 

Due Sportster Ironhead incattivite scorazzano (speriamo ancora oggi....) su circuiti e strade spagnole!

 

 

Nel 2007 la rivista italiana Racer Magazine presenta queste due Sportster Ironhead  elaborate nell'officina Madrilena Classic Co.

Si tratta di una scelta audace e suggestiva non tanto da parte della redazione della rivista Racer, ma in ordine agli stessi preparatori che preferiscono degli Sportster Ironhead da elaborare in chiave sportiva e cafe racer.

Siamo, infatti, in piena epopea Triumph che, con le sue Bonneville e Thruxton, ha praticamente monopolizzato il mercato delle elaborazioni in chiave cafe racer.
Laddove non si vedono questi due modelli Triumph, qualche Ducati Monster appare rimaneggiato con semimanubri, scarichi aperti e qualche altra miglioria ciclistica.

Anche la stampa del settore (sopratutto in Italia) sembra legare il concetto di cafe racer o racer vintage principalmente a questi modelli Triumph e Ducati.
Gli altri marchi non godono della stessa considerazione, quando si parla di cafe racer.

Le moto in questione sono differenti per utilizzo ed alcune scelte tecniche pur mantenendo una matrice comune in ordine al motore Sportster Ironhead 1000 ed alle sovrastrutture in fibra di vetro che conferiscono ad entrambe la stessa linea.
Se, però, la carenata, in vista del suo utilizzo racing ha alcuni accorgimenti tecnici quali il rinforzo del telaio nella zona del cannotto di sterzo e del forcellone, lo stesso non si può dire di quella stradale che mantiene il telaio stock.
Per il resto anche le misure dei pneumatici e l'elaborazione del motore sono abbastanza simili e non molto invasive (carburatore con relativo filtro e scarichi aperti per entrambe).

Presentare entrambe le moto in un unico articolo appare quanto mai logico e sensato. L'articolo mette bene in risalto non solo le elaborazioni effettuate ma anche le differenze tra le due moto.
Moto che risultano ben costruite e perfettamente in linea con la loro vocazione.


UP: originalità di entrambi i progetti, considerando il contesto storico

DOWN: quel tipo di tinta arancio le mortifica