Tutto su Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità fatta in Italia dagli anni novanta. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

martedì 1 agosto 2017

Trouble Head: dove osano le aquile!!!!!

trouble head sportster ironhead by officine rossopuro side right

trouble head sportster ironhead by officine rossopuro tank

trouble head sportster ironhead by officine rossopuro

trouble head sportster ironhead by officine rossopuro


Filippo Barbacane (alias Officine Rossopuro), da sempre legato a Moto Guzzi, trova il tempo per dedicarsi a questo Sportster Ironhead da costruire per un amico.....


Dopo la trasmissione “Lord of The Bike” il nome di Filippo Barbacane è praticamente entrato nelle case  (...pardon nei garage....) di tutti gli appassionati del “custom”, anche se a molti era noto già da diversi anni per le sue numerose realizzazioni su base Moto Guzzi. Veri e propri tributi a Mandello del Lario ed un'epoca che fu. 

Durante questo lungo periodo di tempo, in cui il buon Filippo è sulla cresta dell'onda, ha avuto qualche divagazione in ambito motoristico, andando ad esplorare temi e concetti non proprio familiari (…..anche se si tratta pur sempre di bicilindrici....), dato che ha costruito il rigido in questione, oltre ad un paio di Buell.

La moto è stata costruita nel lontano 2011. In quel periodo lavoravo presso una concessionaria Moto Guzzi e mi trovai a chiamare Filippo per avere informazioni sulle sue parti speciali da vendere al pubblico (all'epoca avevo appena aperto questo blog). Intavolammo una discussione finendo a parlare di Harley-Davidson, Sportster in particolare, e mi disse che stava costruendo questo Ironhead per un suo amico.
Rimasi molto meravigliato dal fatto che avesse scelto un vecchio motore  “teste di ghisa” e non un moderno Evolution (più semplice da mettere a punto) per la sua realizzazione.

Una volta terminata rimasi molto colpito da questa moto e, soprattutto, dalla capacità di adattamento di Filippo a quella che è un'altra filosofia costruttiva rispetto a Moto Guzzi.
Di “Trouble Head” mi piacciono non solo le numerose parti costruite in officina dallo stesso Filippo, come ad esempio il serbatoio del carburante, ma la filosofia della stessa moto: un bobber selvaggio che sprigiona rudezza da ogni angolo.

In comune con le Moto Guzzi che escono dall'officina Rossopuro, vi è solo l'architettura del motore e l'artigianalità costruttiva, per il resto si tratta di una moto bassa e scomoda. Una vera e propria sfida vinta da Filippo!

UP: serbatoio
DOWN: scarichi alti che non si integrano con la linea