Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

giovedì 27 febbraio 2020

Tributo al "Maestro" americano.

harley davidson sportster ironhead 1970 digger

harley davidson sportster ironhead 1970 digger

harley davidson sportster ironhead 1970 digger

harley davidson sportster ironhead 1970 digger

harley davidson sportster ironhead 1970 digger

La fama di Arlen Ness arriva anche in oriente, ispirando questo “digger” su Sportster Ironhead del 1970.


Il tema dei “digger” è tanto caro ai seguaci di Arlen Ness che ne hanno fatto dapprima un fenomeno di “elite” legato agli Hamster, per poi diventare vero e proprio culto. Telai “low”, con cannotto di sterzo allungato ed inclinazione esagerata dello stesso, unitamente a verniciature psichedeliche, cromature in abbondanza, motori potenti, “alluminio billet” a profusione, rappresentano il “must” di questo tipo di moto, diffuse quasi solo negli States.

Tuttavia qualche “digger” si vede anche altrove. 

In Giappone, ad esempio, hanno pensato bene apportare piccole variazioni sul tema, tralasciando il luccichio delle cromature e non curando le finiture, oltre a non utilizzare l'alluminio. Ne esce fuori, così, una moto grezza ed essenziale, reinterpretazione in chiave nipponica dei “digger”, con il motore originale pazientemente cesellato nel basamento e dotato di un carburatore doppio corpo Dell'Orto (unica modifica apportata).

La verniciatura non fa sobbalzare in quanto ad originalità o appariscenza così come alcune finiture apportate sul resto della moto, ma la realizzazione è molto interessante anche se, ad oggi, questo tipo di moto hanno scarsa diffusione.  


2 commenti:

  1. Un diamante grezzo, grande Arlen!!!
    Gian Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha avuto il merito di anticipare i tempi perseguendo una strada tutta sua, totalmente fuori dagli altri schemi.

      Elimina