Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

martedì 3 settembre 2019

1964 XLCH cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

Diverse sono le scuole di pensiero in tema di “cafe racer”, ognuna con prerogative ben precise. A quanti ritengono sufficiente spogliare una moto montando solo due semi-manubri e comandi arretrati, si contrappongono coloro che hanno una visione integrale di queste moto, concependole solo ed unicamente come venivano costruite negli anni sessanta, anche nella scelta della base su cui operare.
Questo XLCH è stato costruito secondo la visione più integralista, dato che si è fatto ampio ricorso all'alluminio battuto a mano per le sovrastrutture, montando componenti dell'epoca o repliche fedeli degli stessi.


La particolarità di questo Sportster non è solo la base scelta, quell'XLCH dal carattere tanto rude, ma anche il telaio cromato nella parte superiore e nero nella parte inferiore. 


Del motore sappiamo solo che è stato revisionato da cima a fondo, mentre la ciclistica ha beneficiato di una forcella proveniente da una Moto Guzzi, cerchi Borrani ed ammortizzatori posteriori Koni. In linea con le moto degli anni sessanta l'adozione di freni a tamburo in luogo dei più performanti a disco.


Decisamente una bellissima realizzazione che fa venir voglia di cercare un XLCH da trasformare in una cafe racer molto simile, rischiando di spendere una fortuna!


Nessun commento:

Posta un commento