The Legend of Harley Davidson Sportster

Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

giovedì 12 settembre 2019

S.Eustachio!!!




Il flash di una domenica può generare molta curiosità......


Domenica stavo tornando verso casa dopo un bel giro con il mio Sporty quando vedo in lontananza una figura a me familiare un Forty-Eight ritoccato. Nell'avvicinarmi scopro un bellissimo serbatoio maggiorato con vernice bicolore (anzi tricolore, considerando il bianco al centro) invecchiata e qualche altro dettaglio come lo scarico due in uno ed il filtro dell'aria aperto. Poca cosa se si pensa a molte moto elaborate che si vedono in giro, ma quanto basta per incuriosirmi. Riesco a scambiare qualche parola con il rider, che la sera mi manda le foto.
Ottima scelta dei pochi interventi!!!! 


martedì 10 settembre 2019

XLCH Beach Racer

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber


…..della serie prendi un vecchio Sportster e giocaci sulla sabbia!!!!!


L’idea di costruire questo Sportster è nata dalla voglia di partecipare alla Race of Gentleman in New Jersey, gare per moto d’epoca sulla spiaggia. Il proprietario, però, da sempre attratto dalle moto costruite negli anni quaranta, le ha volute in qualche modo replicare. 


La scelta è caduta su questo XLCH del 1970 il cui motore è restato originale, salvo l’aggiunta di un filtro dell’aria aperto costruito in casa ed un paio di terminali aperti. Il telaio, dopo essere stato completamente smontato, è stato sverniciato e privato di tutte le piccole imperfezioni. Il passo successivo è stato quello di saldare tubi nella parte posteriore e trasformarlo in rigido, cui è stata abbinata una forcella di tipo “Girder”, abbinata a ruota da 16 pollici con freno a tamburo Royal Enfield (mentre al posteriore è tutto originale) e pneumatici Dunlop.


L’elemento trainante di tutta l’elaborazione è stata la famosa moto inglese Brough Superior, presa a modello in ordine alle scelte da effettuare, come ad esempio il piccolo faro montato sopra all’ampio manubrio, tipico delle moto dei pionieri. Per replicare una moto di molti anni è fondamentale ottenere un notevole effetto invecchiamento. 


In questo caso il risultato è stato ottenuto combinando la scelta ed il posizionamento di molte parti con il lavoro di invecchiamento di telaio e carrozzeria. All'atto pratico questo Ironhead è un mix tra un bobber, una vecchia moto da corsa ed, effettivamente, un mezzo degli anni quaranta. Molto intrigante!


martedì 3 settembre 2019

1964 XLCH cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

Diverse sono le scuole di pensiero in tema di “cafe racer”, ognuna con prerogative ben precise. A quanti ritengono sufficiente spogliare una moto montando solo due semi-manubri e comandi arretrati, si contrappongono coloro che hanno una visione integrale di queste moto, concependole solo ed unicamente come venivano costruite negli anni sessanta, anche nella scelta della base su cui operare.
Questo XLCH è stato costruito secondo la visione più integralista, dato che si è fatto ampio ricorso all'alluminio battuto a mano per le sovrastrutture, montando componenti dell'epoca o repliche fedeli degli stessi.


La particolarità di questo Sportster non è solo la base scelta, quell'XLCH dal carattere tanto rude, ma anche il telaio cromato nella parte superiore e nero nella parte inferiore. 


Del motore sappiamo solo che è stato revisionato da cima a fondo, mentre la ciclistica ha beneficiato di una forcella proveniente da una Moto Guzzi, cerchi Borrani ed ammortizzatori posteriori Koni. In linea con le moto degli anni sessanta l'adozione di freni a tamburo in luogo dei più performanti a disco.


Decisamente una bellissima realizzazione che fa venir voglia di cercare un XLCH da trasformare in una cafe racer molto simile, rischiando di spendere una fortuna!


giovedì 1 agosto 2019

Cinquant'anni di.......Easy Rider!!!!!

easy rider 50 anniversary poster

easy rider 50 anniversary poster low ride magazine

captain america 72 sportster seventy two


…..non importa come, basta riscoprire quella sensazione di benessere che può offrire la quiete di una avventura estiva. Meglio se a cavallo di una motocicletta.


Inno alla libertà, stile di vita, icona del cinema, “hippies” senza gloria. A mezzo secolo dalla sua uscita, sulla celebre pellicola si è scritto e di più e si continuerà  a scrivere per molto tempo ancora.


Oltrepassando quelle che sono le sensazioni di ognuno di noi, è indubbio che il film abbia lasciato un segno profondo non solo a livello cinematografico, ma anche culturale. Si tratta di uno di quei fenomeni di cui nemmeno i diretti protagonisti sanno dare una spiegazione, se non legata al particolare momento storico. Momento storico che, in un certo senso, non è molto distante dai giorni odierni, in cui la sete di libertà è offuscata dall'era multimediale, in grado di creare  velocemente mode, rendendo spesso le persone incapaci di ragionare secondo una propria logica.


Dato che in questo blog si parla di Harley-Davidson Sportster a trecentosessanta gradi, il miglior modo per celebrare questo importante compleanno è riproporre  il bellissimo Forty-Eight costruito dai ragazzi di Shaw Speed & Custom (ora Speed & Custom), di nome "Captain America 72 ", presentato parecchio tempo addietro. E' una bellissima realizzazione estremamente curata, dove l'aspetto economico incide marginalmente. La classica moto che si può fare chiunque con un budget ridotto, ma di sicuro effetto. Basta infatti la verniciatura “star and stipes”, una coppia di scarichi “fish-tail” alti, un bel sissy-bar abbinato ad una sella anni settanta e ci si costruisce una moto replica di “Captain America” anche se non fedele all'originale.


Ma non importa, perchè Easy Rider è come una visione che si manifesta in mille modi!!!!!




martedì 23 luglio 2019

Desert Racer: è tempo di correre verso l'estate!!!!!!

the frijole 883 desert sportster

the frijole 883 desert sportster

the frijole 883 desert sportster

the frijole 883 desert sportster

the frijole 883 desert sportster


the frijole 883 desert sportster


Non capita tutti i giorni di voler partecipare ad una competizione così dura nel deserto con uno Sportster. Solitamente la scelta cade su qualche  “mono” o su un motore bicilindrico di ultima generazione assai più leggero e potente. Paradossalmente, proprio la difficoltà della competizione ha permesso di costruire una moto parecchio valida sotto molteplici aspetti. 


Come avviene nella maggior parte di situazioni simili, ovvero di moto che debbono essere utilizzate nel deserto o correre sulla terra battuta, la scelta è caduta su uno Sportster con telaio pre-2004 (più leggero e stretto delle successive versioni) che, sebbene elaborato tenendo a mente modelli come la Honda XR400 e la Yamaha XT500, ha mantenuto la sua identità (il serbatoio del carburante è quello originale senza alcuna modifica).  


Su una moto che deve affrontare il deserto, di fondamentale importanza sono le sospensioni. Ecco la forcella di una Honda CRF250, opportunamente rinforzata per sopportare il maggior peso dello Sportster (215 kg), che lavora su cerchio da 21 pollici con pinza Tokico a quattro pistoncini. Posteriormente sono stati montati una coppia ammortizzatori Elka Stage-5 da diciassette pollici aumentando, così, l’altezza dello Sportster. 


Il motore su un’elaborazione di questo tipo è l’aspetto meno importante, poiché l’affidabilità dello stesso è l’aspetto più importante. Per cui niente diavolerie: un paio di alberi a cammes non particolarmente spinti, un carburatore Mikuni HSR ed uno scarico due-in-uno, alto ma molto vicino al motore, con piccolo terminale Supertrapp sono sufficienti. Ovviamente ci sono tutta una serie di componenti e parti assolutamente indispensabili per questo tipo di moto come il paramotore, la trasmissione finale a catena e la strumentazione specifica. 



E’ tanto difficile per la Harley-Davidson replicare una moto simile ????


giovedì 18 luglio 2019

Project Woodie Sportster

sportster board track by adam custom shop

sportster board track by adam custom shop

sportster board track by adam custom shop

sportster board track by adam custom shop


Concepire uno Sportster così seduttivo ed intrigante è molto difficile. Tutto ruota attorno al bellissimo telaio in tubi studiato e realizzato in casa. 


E’un “finto” rigido che, come i moderni “Softail”, nasconde l’elemento ammortizzante. In questo caso si tratta di due unità: quella principale celata tra le due componenti del serbatoio del carburante, mentre quella secondaria (un piccolo ammortizzatore) posta sotto al telaio secondo uno schema conosciuto.  La forcella “Springer”, rispetto all'unità tradizionale, ha uno dei due bracci che termina sopra l’attacco del perno ruota. 


Contrariamente a quanto vorrebbe una simile moto, il motore è stato elaborato pesantemente tramite un kit S&S che porta la cilindrata ad oltre 1400. Altri elementi degni di nota sono il cambio a mano, la trasmissione finale a catena, i cortissimi scarichi e le numerose parti in ottone inserite nei punti giusti. Siamo in presenza di una moto totalmente artigianale e frutto di una fervida inventiva. 


giovedì 11 luglio 2019

La Haduc

la haduc sportster cafe racer sixty style

la haduc sportster cafe racer sixty style

la haduc sportster cafe racer sixty style

la haduc sportster cafe racer sixty style

la haduc sportster cafe racer sixty style

Chi l’ha costruito ha attinto a piene mani agli Dei del motociclismo: telaio Ducati 850 GT abbinato a motore Sportster Evolution 1200, forcellone e cerchi Laverda SF750 del 1972. La lista delle parti è lunga: forcella Ceriani, comandi Tarozzi, serbatoio del carburante Ducati 500 SD, ammortizzatori posteriori Koni. 


Sembra il puzzle di uno squinternato, ma in realtà si tratta di una moto ben riuscita, anche se non convince affatto la scelta di montare i piccoli cerchi della Laverda SF750 che stonano molto con la moto e non ci sembrano adatti ad una moto che, per quanto replica delle vecchie cafe racer, è comunque attuale, anche se totalmente stravolta.  Ci sono però alcune delizie come il serbatoio dell'olio perfettamente incastonato nel telaio, i freni a tamburo e le piastre di irrobustimento del telaio nella zona centrale di attacco del motore. 


“La Haduc” è una di quelle realizzazioni che può essere tranquillamente confusa con qualche vecchio esemplare degli anni sessanta. Peccato solo per il disordine dei vari cavi a vista. Ma una cafe racer fatta in casa secondo l'antica tradizione non può essere perfetta......