Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

Visualizzazione post con etichetta Harley-Davidson Viterbo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Harley-Davidson Viterbo. Mostra tutti i post

venerdì 16 settembre 2022

2008 - Sportster 1200 Low - km 39630



Tra le tante proposte di Sportster a prezzi più o meno esorbitanti, girando per il web mi sono imbattuto in questa moto in vendita dagli amici di HD Viterbo, che fa parte dell'Usato HD Originals e gode, quindi, della garanzia di un anno.

I chilometri non sono pochi ma lo Sportster è stato controllato minuziosamente, prima di essere messa in vendita direttamente dal concessionario con tanto di garanzia.

Si tratta di una versione non troppo riuscita che si caratterizza per la minor altezza da terra (641 mm in luogo dei 673 della versione standard) ottenuta montando diverse sospensioni. Inoltre questa versione ha anche il serbatoio del carburante da 17 litri. 

La moto è del 2008 ad iniezione (le prime versioni con il motore ad iniezione sono state immesse sul mercato italiano verso la fine del 2006, inizio 2007) e sembra perfetta. 

Il prezzo di Euro 8200 è più che corretto in relazione al tipo di moto, all'altissimo valore dell'usato Sportster, alla provenienze della stessa da HD Viterbo che, come la maggior parte dei dealer italiani, sono una garanzia nella garanzia.

Cliccate qui: https://www.harleyviterbo.it/portfolio-items/1200l-low/#iLightbox[gallery_image_1]/2


sabato 19 marzo 2022

2013 - Sportster Seventy-Two - km 8600





Questa è una di quelle moto da comprare di corsa!!!!! Molti potranno chiedersi il perchè di tanta enfasi.

La risposta è semplice: pochissimi km, prezzo giusto (9900 Euro), usato HD ORIGINALS e......modello introvabile!!!!!!

Avete letto bene......modello introvabile!!!! 

Comparso sul mercato italiano nel 2012, e dedicato agli amanti del chopper-style, non ha riscosso mai il sospirato successo di vendita, tanto è vero che il 2016 è stato l'ultimo anno di commercializzazione.

Dedicando uno spazio al Seventy-Two già nel lontano 2017 avevo sottolineato quanto appena detto, imputandolo probabilmente al fatto che fosse stato messo in commercio in un periodo storico in cui il modello di vita di Easy Rider non faceva più tendenza

Diversamente il Forty-Eight, che possiamo in qualche modo definire l'alter ego del Seventy-Two ha avuto un successo incredibile tanto da essere lo Sportster più venduto negli ultimi anni insieme all'Iron 883.

Il Seventy-Two è diventato molto ricercato nel tempo. Il modello in vendita si trova dagli amici di Harley-Davidson Viterbo ed ha diversi accessori.

Cliccate qui: https://www.harleyviterbo.it/portfolio-items/seventy-two/#iLightbox[gallery_image_1]/12


lunedì 14 febbraio 2022

Abbinamenti sentiti!



Forse qualcuno avrà notato la presenza dei loghi all'interno del blog (se lo si visualizza in modalità web e non portatile) che rinviano a siti internet. Si tratta di legami creati nel tempo e fuori da ogni logica di tipo commerciale. Questo blog è nato puramente per passione, con l'intento di diffondere una vera e propria cultura per questo tipo di moto, lontano anche da realtà che per differenti motivi non piacevano.

Chi magari mi segue da tempo, ha potuto notare che sino ad ora non ho parlato male di situazioni che non mi piacevano. Al massimo mi sono limitato a sottolineare aspetti negativi riguardanti moto, accessori o altro. Nulla di più. Quindi non mi lego in alcun modo a situazioni che non gradisco, fermo restando i principi di lealtà, correttezza e probità recepiti da sempre dal mondo dello sport e connotanti la mia vita. Se per sbaglio, come è accaduto in passato, dovessi anche solo percepire il mio legame con situazioni in contrasto con detti principi, non esiterei ad allontanarmene immediatamente.  

Detto questo, ad oggi, sono presenti sulla mia pagina i dealer di Jesi e Viterbo. Del primo, penso, saprete tutto, poichè in passato ho raccontato più volte ed ogni volta ringrazio di aver nuovamente incontrato dopo tanti anni Luca Fava che dopo avermi "salvato" uno 883 mi ha fatto comprare un 1200 S che amo. 

Con Viterbo, invece, si tratta di strade che tornano a scorrere parallele dopo tanti anni in cui hanno viaggiato distanti senza un motivo, ma solo per ragioni legate ai normali cicli di vita. Finora ho avuto modo di constatarne la serietà e la precisione in ordine alla manutenzione della moto, al rispetto dei tempi preventivati ed alle situazioni connesse. In una parola: professionisti. 

Forse ci saranno altre novità in futuro. Stay tuned!!!!

martedì 22 dicembre 2020

Harley-Davidson Viterbo: viva la Tuscia!!!!!!!

harley davidson viterbo logo

Prima ho espresso il mio disappunto nei confronti di un'officina della Capitale che ha giocato parecchio sporco. Poi ho raccontato di Harley-Davidson Jesi e ringraziato (mai abbastanza....) l'amico Luca Fava (uno dei due proprietari il cui compito è occuparsi della parte tecnica). Ora vi racconterò di Harley-Davidson Viterbo....

La concessionaria di Jesi è nel cuore, ma troppo lontana e non praticabile nel quotidiano, ragion per cui era da tempo che mi stavo guardando attorno. Mi avevano fatto un'ottima impressione i ragazzi di HD Perugia dopo una visita fatta ad inizio anno,  ma anche in questo caso c'era il problema logistico. Per sbaglio, seguendo i vari social, mi accorgo che il dealer di Viterbo ritira le moto a domicilio per gli interventi d'officina. Decido immediatamente di provare.  

Seppur siano passati molti anni, non è la prima volta che mi imbatto in questo dealer. Iniziai a frequentarlo nel lontano 2008. Avevo comprato da qualche anno lo Sportster 883R a carburatore alla Numero Uno di Roma che stava per chiudere. Oltretutto non ero soddisfatto appieno dell'officina, per cui sentivo il bisogno di cambiare aria. Alcuni amici mi avevano parlato molto bene di HD Viterbo, quindi decisi di provare. 

All'epoca facevo quasi diecimila chilometri all'anno in moto, pari a circa due tagliandi. Partivo il sabato mattina presto da Roma e vi ritornavo dopo pranzo non appena fatto il tagliando. L'impressione fu subito ottima, tanto è vero che continuai ad andare da loro fino al 2011 quando vendetti lo Sportster.
 
Mi metto in contatto con loro per spedire il mio Sportster 883 per un tagliando. C'è ancora Danielone al suo posto (ricambi) che pur dopo tanto tempo si ricorda del sottoscritto. E' un attimo trovarmi con lui, che mi fornisce tutte le indicazioni di cui ho bisogno. Uno degli aspetti fondamentali legati ad una attività commerciale, se la si vuol vedere crescere progressivamente, è la cura del cliente. Cura fatta di molteplici aspetti. Puntuale come un treno tedesco, arriva il furgone con il logo HD Viterbo (che bello!) a ritirare la moto. Conosco uno dei due meccanici (Vincenzo) ed ho un'ottima impressione non solo a livello umano, ma anche tecnico. 

Premetto che interagire con me quando di mezzo c'è qualche mia motocicletta (oppure una auto) è assai difficile. Cambio radicalmente l'atteggiamento di tutti i giorni fino a diventare un vero e proprio “psicopatico”. Tutto deve essere perfetto o, quanto meno, come lo intendo io. Se trovo dall'altra parte una persona che capisce questo mi ci lego in maniera molto profonda, altrimenti sorgono i problemi. Non a caso, pur andando in motocicletta dal lontano 1987 mi fido di pochissimi tecnici: l'amico fraterno Roberto Poggi (che ora lavora su BMW auto), Paolo (capo-officina alla Numero Tre di Roma), Renzo Miconi (che mi curava il Mini Cooper) e dal 2018 Luca Fava.

Racconto a Vincenzo la storia dell'883 e, mentre carica la moto, gli faccio vedere anche lo Sportster 1200s per qualche piccolo lavoro di rifinitura. Ci confrontiamo e mi offre parecchi spunti di riflessione che mi fanno pensare di aver fatto la scelta giusta. Nei giorni seguenti è un continuo scambio di telefonate con Danielone. Finalmente mi riportano la moto, per prendere il 1200s. 

Questa volta viene Carlo (l'altro meccanico) ed appena mi scarica lo Sportster a momenti mi prende un infarto. La moto è più nuova di prima. Sembra appena uscita di fabbrica, sebbene sia del 2008 (!!!!). Anche con Carlo ho la stessa sensazione avuta con Vincenzo e gli lascio volentieri il 1200s.
Esco immediatamente a provare l'883. Sono felice ed emozionato come un bambino. Non solo la moto è nuova, ma è stato fatto un lavoro a regola d'arte, seppur si parli di un semplice tagliando e cambio gomme.

Nel frattempo il 1200s è a Viterbo. Sono indeciso se montare il carburatore Mikuni HSR42 ed esprimo a loro le mie perplessità sul fatto che debba essere tarato di continuo. Pur venendo rassicurato in tal senso, dopo aver provato la moto per qualche giorno, mi dicono anche loro che è talmente ben bilanciata (grazie ancora Luca Fava che non solo me l'hai fatta comprare, ma l'hai messa a punto in maniera superba!!!!) che non è necessario. Qualora volessi migliorarla in futuro ci si può pensare.....

Dopo essermi imbattuto in molti cialtroni. Dopo aver visto quanto ha giocato sporco qualcuno, dopo aver avuto la fortuna di imbattermi in persone come Luca Fava ed il dealer di Jesi, debbo aggiungere un altro importante tassello a coloro che fanno il loro lavoro nella maniera corretta. GRAZIE!!!!!!        

sabato 16 aprile 2016

Cafe Racer Inspired



 

“Ispirata alle Cafe Race, la nostra 883 Iron mixa gusto vintage e richiami sportivi. Filo conduttore è stato la voglia di non esasperare gli interventi ma di puntare a un custom originale e alla portata di tutti.”


Presentiamo l'ultima moto della Battle Of The Kings con le parole del dealer di Viterbo che l'ha creata. Si è volutamente chiuso con questa moto per mostrare effettivamente come la customizzazione di una moto abbia mille sfumature diverse. Si possono avere moto praticamente costruite da zero e risultare bellissime ed altre solo arricchite con pochi accessori (come in questo caso) ma risultare ugualmente belle ed attraenti. Condizione fondamentale del buon risultato finale è il gusto. Se si ha gusto nel creare una moto il risultato è garantito come in questo caso. Basta una bella verniciatura, un paio di scarichi abbinati ad un filtro dell'aria per far respirare meglio il motore e pochi altri accessori.

UP: il concetto di fondo che ha ispirato questa motocicletta

DOWN: la targa laterale non piace proprio