Harley-Davidson Sporster: la storia, le special e la pubblicità. Una sezione dedicata alle Buell motorizzate Harley-Davidson.

Visualizzazione post con etichetta XLCH. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta XLCH. Mostra tutti i post

mercoledì 21 ottobre 2020

After war


In Italia vedere un "vero" bobber è sempre più raro per diversi fattori, principalmente legati a problematiche di ordine legale ed al tipo di strade che, soprattutto nelle metropoli, sono dissestate.

Negli Stati Uniti, diversamente, i bobber su base HD sono un vero e proprio must e molte realizzazioni sono ispirate dalla tradizione americana.

Il motore di questo bobber su telaio rigido è di un XLCH 900 del 1969 (la versione più spinta dell'XLH), utilizzato molto spesso su bobber e chopper, lucidato e rimesso a nuovo nell'estetica ma non revisionato, cui sono stati sostituiti solo gli scarichi (con due drag-pipes) ed un filtro dell'aria aperto. La moto si ispira al periodo post-bellico della Seconda Guerra Mondiale e fondamentali sono stati la cura dei particolari, ad iniziare dalla verniciatura verde oliva e la forcella "Springer".  

Ogni dettaglio (anche il posizionamento del faro) è studiato attentamente. L'effetto è quello dei vecchi Flathead degli anni quaranta.


 

mercoledì 27 maggio 2020

Nudo e Crudo





Un XLCH del 1966 semplificato all'inverosimile.


Se in Italia le Harley-Davidson sono per lo più oggetto di moda e vanto, in altri paesi vengono considerate per ciò che sono: moto dall'indubbio fascino, robuste all'inverosimile, da utilizzare tutti i giorni migliorandone alcuni aspetti. Non è rado, così, che quando ci si imbatta in qualche vecchio modello di Milwaukee si opti per grosse elaborazioni, piuttosto che per un restauro fedele all'originale.

Certamente, modelli iconici andrebbero riportati come erano in origine, senza stravolgimenti e vederne alcuni quasi irriconoscibili può lasciare l'amaro in bocca, ma in alcuni frangenti il senso pratico della vita può prevalere su tutto.

Lo Sportster Ironhead in questione è un esempio di questa concezione. Spogliato di tutto ed alleggerito, telaio originale sostituito con un'unità di tipo rigido dotato di sella singola con le molle, carrozzeria ridotta all'osso e motore originale, salvo due scarichi drag-pipes che fanno fare la voce grossa ad motore messo a punto a dovere. Una moto da utilizzare tranquillamente tutti i giorni....



lunedì 16 marzo 2020

Terra di confine!!!








Un chopper rozzo e selvaggio che sembra uscito da un film di Mad Max.


Concepire una Harley-Davidson del genere è quanto di più lontano ci sia dal modo in cui molti intendono marchio americano: moto da fighi con cui andare in giro e talvolta viaggiare. Ma le Harley-Davidson restano soprattutto mezzi robustissimi con cui macinare miliardi di chilometri e gli Sportster quanto di più vicino alla concezione europea

Fatte queste considerazioni iniziali, quando si vede una simile realizzazione, oltretutto sulla base di un modello molto ricercato come l'XLCH del 1964, si rimane interdetti. Nessuno spazio a fronzoli estetici e metallo a vista. Da lontano appare un vecchio rottame che si trascina lungo le highway statunitensi. Almeno fino a che non lo si osserva attentamente. 

E' tutto studiato molto bene: dal lavoro effettuato per trasformare il telaio stock in rigido, abbinato a cerchi da 19 pollici all'anteriore e 18 al posteriore, ai tubi di raccordo del serbatoio dell'olio spostato sul lato sinistro, ai numerosi rinvii necessari per ottenere un cambio "suicide" (sul lato destro), alla piccola sella in lamiera (....se così si può chiamare...). 

Il motore non  subisce alcuna modifica tranne un carburatore Mikuni senza filtro dell'aria ed un paio di corti scarichi liberi. 


mercoledì 4 marzo 2020

Carbon dragster!!!!

sportster xlch 1969 carbon dragster

sportster xlch 1969 carbon dragster

sportster xlch 1969 carbon dragster

sportster xlch 1969 carbon dragster

sportster xlch 1969 carbon dragster

Carbonio a profusione ed elementi di modernità connotano questo vecchio Ironhead.


Portare a nuova vita un vecchio XLCH del 1969 è  “….cosa buona e giusta…..”, anche se sulle vecchie moto andrebbe fatto un restauro in modo da riportarle alle condizioni originali o, quantomeno, effettuare piccoli miglioramenti. Qui abbiamo un Ironhead totalmente stravolto e modernizzato, seppur con ottimi risultati, che lasciano numerosi interrogativi in ordine alla scelta effettuata

Il motore, interamente ricostruito, è stato prima verniciato di nero ed accuratamente bilanciato, subendo l’aggiunta di molti elementi nuovi come i carter in carbonio e la conversione del cambio che da destra viene portato a sinistra. Un carburatore S&S Super E ed un paio di corti scarichi “drag-pipes” garantiscono assoluta affidabilità al vecchio Ironhead che, attraverso questi interventi, rimane praticamente originale, mantenendo anche l’accensione a magneto

Al telaio rigido in acciaio cromato, verniciato in nero carbonio (l’unico elemento ammortizzante è sotto la piccola sella), viene abbinata la forcella di una Ducati 916 con cerchio in carbonio e pinze Brembo. La carrozzeria è in fibra di carbonio (ovviamente) si lega con molte parti in acciaio bene a vista. Il peso della moto è di 162 kg (!!!!!!). Stranamente non è stato tolto l’avviamento a pedale, anche se la logica potrebbe essere quella di far risaltare elementi di modernità con altri tipicamente vintage. La moto è bellissima anche se sarebbe stato più opportuno restaurare il vecchio XLCH ed utilizzare un più moderno Evolution per costruire questo dragster.


lunedì 10 febbraio 2020

Profondo rosso!!!!!!

sportster xlch 1969 street tracker

sportster xlch 1969 street tracker

sportster xlch 1969 street tracker

sportster xlch 1969 street tracker

sportster xlch 1969 street tracker

sportster xlch 1969 street tracker

Uno dei modelli Sportster  “racing” viene riportato agli antichi splendori con un lavoro certosino. Ora l'XLCH del 1969 mette paura.....


Tradizione vuole che alla sigla “CH”,  il seguito della XL denotante i modelli Sportster, venisse dato un doppio significato: per alcuni voleva dire “Competition Hot”, per altri invece “California Hot”.
Qualunque fosse il reale significato della sigla, è indubbio che lo Sportster XLCH venne costruito per soddisfare i pruriti di quanti volevano una moto dallo spirito racing da poter utilizzare su strada ed anche nei circuiti con poche modifiche.   

L'esemplare qui proposto rappresenta il miglioramento di un modello già di per se riuscito.
Il telaio originale, che garantiva molta maneggevolezza ma ben poca stabilità alle alte velocità, è stato sostituito con un'unità rigida proveniente dal modello KR all'interno del quale è stato alloggiato il motore totalmente revisionato e verniciato in nero, senza modifiche volte ad aumentarne le prestazioni.

La forcella è una Kayaba, mentre i cerchi sono Borrani da 19 pollici all'anteriore e 18 al posteriore. 
Il colore rosso pastello del serbatoio e del parafango posteriore, abbinato al logo dell'epoca, esalta ancora di più lo spirito racing di questo XLCH che tanto appassiona. 


domenica 22 dicembre 2019

Speedway Ironhead Sportster

speedway ironhead sportster xlch tracker

speedway ironhead sportster xlch tracker

speedway ironhead sportster xlch tracker

speedway ironhead sportster xlch tracker

speedway ironhead sportster xlch tracker

speedway ironhead sportster xlch tracker

L’ennesimo Sportster votato agli ovali in terra battuta. Ma questa volta cambia qualcosa…..


Quando apparve sul mercato lo Sportster XLCH , modello sportivo con il motore pompato a dovere aumentando il rapporto di compressione, immediatamente venne precisato che la sigla “CH” significava “Competition Hot”(anche se per alcuni era da intendere come “California Hot”). La base ideale per le corse

Dopo tanti anni di duro lavoro è stato quasi logico elaborare il vecchio Ironhead del 1966 in chiave racing. Il motore, seppur revisionato, è stato mantenuto originale salvo un carburatore Linkert DC-7 ed un paio di scarichi con terminale a tromboncino. Il telaio rigido è stato costruito da zero utilizzando dei tubi in acciaio, replicando quelli che sono i telai delle moto da speedway, con il serbatoio in alluminio ed il parafango posteriore che ne seguono il profilo ed il serbatoio dell’olio montato posteriormente, tutto abilmente lucidato così come la forcella. I cerchi sono da 21 pollici (anteriore) e 18 pollici (posteriore). 
L’XLCH così concepito è l’emblema della semplicità legato anche all’agonismo sportivo


mercoledì 2 ottobre 2019

Hot dragster!!!!!

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine

sportster xlch dragster double engine


Un “mostro” old-school.


Incute terrore solo a guardarlo questo dragster costruito secondo la vecchia tradizione. Il motivo è semplice: doppio motore Ironhead 1000 di due esemplari di XLCH montato in un unico telaio. 

Un lavoro difficilissimo. Si deve tener presente che il telaio si può rompere e che i due motori possono non funzionare in maniera armonica. Il progettista ha lavorato sul funzionamento dei due motori che al minimo girano come se fosse un singolo motore Harley-Davidson, mentre agli alti regimi assomigliano ad un quattro cilindri nipponico. Poiché la trasmissione dello Sportster Ironhead è fragile, per contenere la potenza notevolmente aumentata e le molte vibrazioni è stato installato un cambio a quattro velocità prelevato da un Big Twin del 1980. 

Il telaio è stato appositamente studiato e costruito con tubi in acciaio, abbinato ad una forcella proveniente da una Ducati 750 Imola degli anni settanta, opportunamente abbassata e lavorata per avere anche un “custom look”. I cerchi sono in alluminio da 18 pollici. I due motori, a parte una revisione totale, non hanno subito interventi, salvo il montaggio di due carburatori S&S Super B con trombette di aspirazione ed un doppio scarico due-in-uno. Quasi tutto il dragster è stato costruito a mano. Il serbatoio dell’olio è contenuto all'interno del piccolo codone in alluminio, mentre quello del carburante si trova nella tradizionale posizione e segue il profilo della moto. 

Mette paura la scelta dell’avviamento a “kick-start” invece di quello tradizionale con il classico motorino d’avviamento, ma probabilmente è motivato da ragioni tecniche. Questo mostro è stato esposto allo “Yokohama Hot Rod Custom Show” del 2018.

martedì 10 settembre 2019

XLCH Beach Racer

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber

sportster xlch beach racer old school bobber


…..della serie prendi un vecchio Sportster e giocaci sulla sabbia!!!!!


L’idea di costruire questo Sportster è nata dalla voglia di partecipare alla Race of Gentleman in New Jersey, gare per moto d’epoca sulla spiaggia. Il proprietario, però, da sempre attratto dalle moto costruite negli anni quaranta, le ha volute in qualche modo replicare. 


La scelta è caduta su questo XLCH del 1970 il cui motore è restato originale, salvo l’aggiunta di un filtro dell’aria aperto costruito in casa ed un paio di terminali aperti. Il telaio, dopo essere stato completamente smontato, è stato sverniciato e privato di tutte le piccole imperfezioni. Il passo successivo è stato quello di saldare tubi nella parte posteriore e trasformarlo in rigido, cui è stata abbinata una forcella di tipo “Girder”, abbinata a ruota da 16 pollici con freno a tamburo Royal Enfield (mentre al posteriore è tutto originale) e pneumatici Dunlop.


L’elemento trainante di tutta l’elaborazione è stata la famosa moto inglese Brough Superior, presa a modello in ordine alle scelte da effettuare, come ad esempio il piccolo faro montato sopra all’ampio manubrio, tipico delle moto dei pionieri. Per replicare una moto di molti anni è fondamentale ottenere un notevole effetto invecchiamento. 


In questo caso il risultato è stato ottenuto combinando la scelta ed il posizionamento di molte parti con il lavoro di invecchiamento di telaio e carrozzeria. All'atto pratico questo Ironhead è un mix tra un bobber, una vecchia moto da corsa ed, effettivamente, un mezzo degli anni quaranta. Molto intrigante!


martedì 3 settembre 2019

1964 XLCH cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

sportster xlch 1964 cafe racer

Diverse sono le scuole di pensiero in tema di “cafe racer”, ognuna con prerogative ben precise. A quanti ritengono sufficiente spogliare una moto montando solo due semi-manubri e comandi arretrati, si contrappongono coloro che hanno una visione integrale di queste moto, concependole solo ed unicamente come venivano costruite negli anni sessanta, anche nella scelta della base su cui operare.
Questo XLCH è stato costruito secondo la visione più integralista, dato che si è fatto ampio ricorso all'alluminio battuto a mano per le sovrastrutture, montando componenti dell'epoca o repliche fedeli degli stessi.


La particolarità di questo Sportster non è solo la base scelta, quell'XLCH dal carattere tanto rude, ma anche il telaio cromato nella parte superiore e nero nella parte inferiore. 


Del motore sappiamo solo che è stato revisionato da cima a fondo, mentre la ciclistica ha beneficiato di una forcella proveniente da una Moto Guzzi, cerchi Borrani ed ammortizzatori posteriori Koni. In linea con le moto degli anni sessanta l'adozione di freni a tamburo in luogo dei più performanti a disco.


Decisamente una bellissima realizzazione che fa venir voglia di cercare un XLCH da trasformare in una cafe racer molto simile, rischiando di spendere una fortuna!


lunedì 22 aprile 2019

Black XLCH

black sportster xlch 1969 custom

black sportster xlch 1969 custom

black sportster xlch 1969 custom

black sportster xlch 1969 custom


Quando ci si trova dinanzi a moto con molti anni sulle spalle le strade da percorrere sostanzialmente sono due: si può intervenire prestando la massima attenzione alla originalità del mezzo oppure prendere una direzione diametralmente opposta costruendo bellissime special. Qualcuno opta per la soluzione intermedia tendente ad intervenire in modo mirato. 


L’XLCH è stato smontato completamente e si è intervenuti in maniera importante, pur cercando di mantenere la linea quanto più fedele possibile all’originale. Motore interamente ricostruito con l’aggiunta di un carburatore S&S e scarichi drag-pipes da un pollice e mezzo, trasmissione primaria a cinghia (in luogo dell’originale a catena) e verniciatura a polvere per molte parti sono i tratti caratteristici. 


E’ stato poi effettuato un nuovo cablaggio di tutto l’impianto elettrico, ricostruita interamente la forcella e sostituiti tutti i cuscinetti presenti. Altri elementi come il serbatoio del carburante maggiorato rappresentano il completamento di questo XLCH ottimamente realizzato.